• DOVE MI TROVO: Trnovo (Fbih), Bosnia and Herzegovina
  • AGGIORNATO AL: 21/07/2024
  • SONO A 731.85KM DA CASA
Logo Plan B Project

Cosa sono i Webhooks e perché dovresti utilizzarli?

I webhook sono metodi di comunicazione tra due applicazioni web attraverso callback HTTP. Offrono una soluzione alternativa alle API per l'interazione tra applicazioni, fornendo la possibilità di comunicare autonomamente degli eventi tra di loro senza che l'utente debba intervenire in alcuna fase. L'articolo spiega come i webhook siano particolarmente utili nelle app di web-commerce, nei sistemi di gestione dei contenuti e nelle applicazioni di social media.

Consulta i termini della privacy policy.*

È una risorsa critica per le imprese che necessitano di aggiornamenti in tempo reale su molteplici applicazioni. Uno strumento semplificato per i rivenditori che mirano a fornire un’esperienza senza interruzioni dal momento in cui i clienti cliccano ‘checkout’ fino a quando il loro ordine arriva.

È un must per gli influencer, per caricare immediatamente i reel su Instagram nel secondo in cui vengono pubblicati su TikTok. Ma cosa sono esattamente i webhook? Sono una risorsa facile da configurare che migliora la comunicazione tra le applicazioni che usi ogni giorno. Continua a leggere per scoprire come funzionano i webhooks e come puoi trarre vantaggio dalla tecnologia webhook, in questo articolo parleremo dei seguenti argomenti:

  • Che cosa sono i webhook e come funzionano
  • Differenze tra i webhook e le chiamate API
  • App che supportano i webhooks
  • Come configurare i webhooks
  • Risorse di apprendimento per creare il tuo primo webhook
  • Come testare i webhook
  • FAQ sui webhook per i nuovi utenti

Cosa sono i webhook e come funzionano?

Cos’è un webhook? I webhook sono un metodo utilizzato da un’applicazione per fornire ad un’altra applicazione informazioni in tempo reale su un evento online. In termini semplici, un webhook è una tecnologia che invia informazioni quando viene attivato da un evento. Un sistema radar è un’ottima analogia per chi sta imparando come funzionano i webhook: il sistema radar (webhook) è progettato per rilevare segnali specifici di aerei (dati specifici di eventi). Quando un segnale viene rilevato, il sistema radar notifica immediatamente un operatore radar (l’utente). Il tuo team si affida a Discord? Allora dai un’occhiata alla Guida Facile ai Webhook di Discord di Make. I dati specifici dell’evento potrebbero essere praticamente qualsiasi cosa: un utente che modifica un documento condiviso o un cliente che invia un modulo su un sito web sono esempi semplici. La tecnologia dei webhook funziona quando i callback HTTP definiti dall’utente spingono dati riguardo un evento verso un URL configurato per il webhook. Anche se simili, sono diversi dai normali callback che tipicamente comunicano attraverso una singola app o piattaforma. C’è anche una grande differenza tra i webhook e le API.

Qual è la differenza tra API e webhook?

Le API sono estremamente utili e comprensibilmente in crescita di popolarità. A prima vista, un webhook potrebbe sembrare un’alternativa a una chiamata API, ma in realtà i loro principi di funzionamento sono diversi. Un’API opera interrogando i dati, il che significa che controlla la presenza di nuovi dati e li recupera solo quando identifica questi nuovi dati. I webhook sono innescati da un evento, non semplicemente dalla presenza di nuove informazioni. Quando si verifica un evento, il webhook invia il corrispondente carico di dati in tempo reale all’URL di destinazione. Una delle differenze più importanti tra webhook e API è nella tempestività della consegna dei dati: Le API possono essere programmate; i webhook no. Le API possono essere impostate a intervalli di tempo brevi, ma i webhook saranno sempre istantanei. Prendi, per esempio, la funzione di pianificazione di Make. Immaginiamo che tu stia gestendo il feed dei social media della tua azienda e voglia monitorare i commenti su un determinato account Facebook che segui:

  • Prima, usa il modulo “Watch Comments” di Make in uno scenario. Il modulo “Watch Comments” è la chiamata di Make all’API di Facebook.
  • Poi, imposta un intervallo di tempo. Puoi impostare l’intervallo breve o lungo come preferisci, ad esempio ogni cinque minuti.
  • Successivamente, la chiamata di Make all’API di Facebook controllerà la presenza di nuovi commenti. Il modulo monitora l’account che segui durante lo scenario, cercando nuovi commenti ogni cinque minuti.

Infine, se un nuovo commento è stato pubblicato entro quei cinque minuti, l’API li identificherà e te li mostrerà. L’API estrarrà tutti i dati che desideri vedere, in questo caso nuovi commenti, e solo quei dati dall’intervallo di tempo più recente.

Come funzionano, invece, i webhook?

I webhook non possono essere programmati, quindi non riceveresti i commenti più recenti ogni cinque minuti. Invece, i webhook sono progettati per consegnare i dati che stai cercando nel momento in cui vengono generati. Se avessi stabilito un webhook per i commenti da quell’account, li vedresti in tempo reale.

Perché usare un webhook

Pensa ai webhook come a un altro mattoncino per la tua infrastruttura digitale. Ti permettono di eseguire più comandi e ricevere costantemente le informazioni più aggiornate senza richiedere una forte domanda tecnica. Fondamentalmente, semplificano la consegna delle informazioni e ti consentono di agire immediatamente su quelle informazioni. Pensa a quanto sia critico seguire tempestivamente i potenziali clienti nel momento in cui inviano una richiesta tramite un modulo web sulla tua pagina di contatto. Un webhook può connettere quel modulo a un canale Slack che raccoglie queste richieste dei clienti e le rende disponibili al tuo team di vendita immediatamente. Puoi anche configurare webhook con altre app per identificare una serie di altri eventi online, permettendoti di:

  • Popolare automaticamente i fogli di calcolo con dati in entrata.
  • Inviare notifiche a persone diverse su un evento.
  • Creare modelli di documenti con dati dinamici.
  • Aggiungere nuovi record ai CRM.
  • (Dis)iscrivere persone dalla tua newsletter.
  • Creare compiti su strumenti di gestione progetti.

Ad esempio, alcuni utilizzano i moduli di Make per creare un modello di contratto dai dati ricevuti tramite un webhook collegato a un form su un sito. In primo luogo, connettono due moduli di Make, come il modulo webhook e il nostro modulo Google Docs “Crea un documento da un modello”. Poi, ogni volta che viene ricevuto un modulo, viene automaticamente creato un modello di contratto con i dati provenienti dal form. Ma il successo del webhook nella tua impresa dipende dalla risposta a due importanti domande: Le app che utilizzi supportano i webhook? E, in caso affermativo, cosa puoi fare con le informazioni che ottieni dai webhook?

Quali app popolari supportano i webhooks?

La buona notizia: praticamente ogni app permette l’ingresso di dati da webhooks, incluso:

  • App di messaggistica istantanea come Slack (attraverso l’API “Events”)
  • Moduli web come Typeform, Google Forms, JotForm e Gravity Forms
  • Piattaforme CRM come HubSpot e Pipedrive
  • Strumenti di costruzione di chatbot come ManyChat e Chatfuel
  • Piattaforme di social media come Facebook e Twitter
  • Repository di codice come GitHub
  • Strumenti di gestione di progetti come ClickUp, Trello e Jira

E molti altri, inclusi Make. La sfida: non tutte le app permettono la pubblicazione di dati attraverso i webhooks, ecco perché è importante capire come funzionano i webhooks ma anche come utilizzare l’integrazione dei webhooks in modo da amplificare le tue operazioni. 

Come configurare i webhook

Configurare i webhook con Make è molto intuitivo, anche se è la tua prima volta con la tecnologia dei webhook. Puoi tipicamente creare webhooks specifici per app attraverso la stessa app. Per creare webhook personalizzati, puoi inserire un modulo di webhook custom in uno scenario, impostare la struttura dei dati del webhook e iniziare a programmare l’elaborazione del webhook per testarlo.

Come testare i webhook

I webhook inefficaci non servono né a te né ai tuoi potenziali clienti, per questo è importante sapere come testare i webhook prima di fare affidamento su di essi. Suggeriamo di creare prima un webhook e di integrarlo con le app dalle quali ricevi il maggior coinvolgimento degli utenti. Per esempio, se molti dei tuoi potenziali clienti ti contattano tramite un modulo web, dovresti creare e testare quei webhook per primi. Non aspettare che un cliente lo utilizzi; esegui la funzione tu stesso e crea una chiamata webhook compilando tu stesso il form. Quando aggiungi un modulo a uno scenario di Make, questo esegue automaticamente lo scenario fino a quando vengono ricevuti i primi dati dal webhook. Se preferisci elaborare gruppi di dati in una sola volta invece di gestire ogni pacchetto di dati non appena viene ricevuto, puoi utilizzare Make per programmare orari di elaborazione dei webhook. Ad esempio, potresti modificare le impostazioni dello scenario per memorizzare tutti i dati di webhook in arrivo in una coda e poi elaborarli e consegnarli solo in un momento programmato specificamente.

Risorse di apprendimento sui Webhook

La prossima cosa che dovresti leggere quando apprendi la tecnologia dei webhook è “Web hooks to revolutionize the web” scritto dal software engineer e co-fondatore di Glider Labs, Jeff Lindsay. Questo articolo, scritto nel 2007 e disponibile sull’Internet Archive, ti aiuterà a costruire una base per la comprensione dei webhook e come la tecnologia dei webhook potrebbe essere sfruttata. Una volta che avrai familiarizzato con il funzionamento dei webhook, dovresti quindi imparare come creare dei webhook nelle app.

Fai funzionare i webhook per te

I webhook sono il sistema radar informativo della tua impresa, che cerca nel cielo digitale i dati di cui hai bisogno e li porta istantaneamente nelle mani (o sui laptop) del tuo team. I webhook sono scorciatoie che consentono agli sviluppatori e a chi non scrive codice di semplificare la trasmissione delle informazioni senza bisogno di codice complicato. Invece di fare affidamento su soluzioni software che potrebbero non funzionare nel contesto di cui hai bisogno, affidati ai webhook per portare a termine il lavoro.

Prova Make.com per scoprire come consente alle aziende di tutte le dimensioni di inviare dati webhook in entrata a oltre 1.500 app e costruire flussi di lavoro automatizzati spettacolari in tempo record.

FAQ: Cosa devi sapere sulla tecnologia webhook

Qual è la differenza tra API e webhook?

La maggiore differenza tra API e webhook risiede nella frequenza e nel tempismo con cui i dati vengono comunicati.
Le chiamate API possono essere programmate a intervalli variabili;
le chiamate API vengono effettuate e forniscono dati solo in questi intervalli.

I webhook sono chiamate basate su eventi;
consegnano dati istantaneamente e solo quando si verifica un evento informativo.

Un webhook è semplicemente una richiesta HTTP?

Sì, i webhook sono specifiche richieste HTTP. Una definizione tecnica di webhook è una funzione di callback basata su HTTP che consente la comunicazione dati tra due app separate.

I webhook sono frontend o backend?

Un webhook può essere configurato per comunicare informazioni da una fonte frontend a una fonte backend. Ad esempio, un webhook può comunicare dati da una pagina di atterraggio, come un modulo web, e inviare tali informazioni a un server Discord o un canale Slack.

Quali sono gli svantaggi dei webhook?

I due maggiori svantaggi dei webhook coinvolgono le applicazioni stesse. Primo, se un’app non supporta la tecnologia webhook, allora la tecnologia webhook non ti sarà di aiuto. Secondo, le chiamate webhook vengono abbandonate se non ricevono risposta, quindi se un’app su cui ti affidi ha il servizio interrotto, i tuoi webhook falliranno.

Un webhook è un callback?

Un webhook e un callback non sono la stessa cosa, sebbene siano molto simili. Entrambi sono usati per la comunicazione. I callback sono tipicamente usati all’interno di una singola app o interfaccia mentre i webhook sono tipicamente usati per comunicare tra app separate o piattaforme.


Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!
Consulta i termini della privacy policy.*

Lascia un commento

Plan B Project
Servizi per il web

Contatti

  • Contattami
  • +39 375 835 7213
  • g.lanzi@planbproject.it