Keyword Cannibalization: cos’è? Come gestirla?

La keyword cannibalization è una situazione che si può verificare quando più pagine dello stesso sito appaiono in SERP per la medesima keyword. #keywordcannibalization #SEO #content #strategiaSEO
Ultima modifica il 13 Gennaio 2022

Se gestisci un sito web da anni è probabile che anche tu abbia più pagine, o post, che trattino lo stesso argomento o che mirino alla stessa keyword. Ma questo è un male? Questa situazione è detta Keyword Cannibalization e oggi vediamo di cosa si tratta e di come comportarsi.

Cos’è la keyword cannibalization?

Con il termine “keyword cannibalization” ci si riferisce a quelle situazioni in cui un singolo sito web punta involontariamente alla stessa keyword su più post o pagine. Molti esperti di SEO sono convinti che questo possa in qualche maniera confondere gli algoritmi di Google.

keyword cannibalization bot

Detto in maniera più semplice, credono che questa situazione renda difficile a Google il compito di identificare quale pagina dovrebbe classificarsi per una determinata keyword.

Questo, di solito, non è corretto.

Google è intelligente (per quello che può esserlo una macchina), capisce quasi sempre qual è l’argomento della tua pagina e se corrisponde o meno a ciò che l’utente sta cercando per una determinata query.

Questo è il motivo per cui non si può forzare le pagine dei prodotti e-commerce a classificarsi per query informative.

Esempio: se provi a digitare nella barra di ricerca su Google la keyword “migliori idee di biglietti da visita”, di tipo informazionale, troverai all’interno della SERP soltanto blogpost e nessuna pagina con prodotti acquistabili, che richiederebbe una keyword transazionale.

keyword cannibalization SERP
Un esempio di SERP con risultati prettamente informazionali

Questo perché l’intento della ricerca, in questo caso, è chiaro ed inequivocabile. L’utente non sta cercando pagine dei prodotti ma articoli informativi.

Questo però non significa che la keyword cannibalization non sia un problema. In seguito sono riportati alcuni motivi per cui è meglio evitare che accada.

Può far posizionare una pagina di scarso valore più in alto nella SERP rispetto ad una pagina di valore

Molte volte, cercando una determinata query, può capitare che un vecchio post si posizioni più in alto all’interno della SERP rispetto ad un post magari più pertinente.

Non è solo un problema relativo ai contenuti non aggiornati. Ci sono un paio di altre ragioni per cui potresti preferire piazzare una pagina al posto di un’altra:

  • Tasso di conversione più alto: Hai due post di blog su un argomento simile. Uno dei post del blog presenta un post specifico di lead magnet, e ha un alto tasso di conversione, mentre l’altro no. Quindi è normale preferire che si piazzi nella serp la pagina che ha un tasso più alto di conversione.
  • Margini di profitto più alti: Hai due prodotti simili sul tuo sito web. Prendiamo qualcosa di comune, come i calzini. Entrambi i prodotti costano al potenziale consumatore più o meno lo stesso prezzo. Uno dei prodotti è il tuo marchio, e l’altro invece è venduto da una terza parte sempre sul tuo sito web. Quale pagina di prodotto preferiresti posizionare per la kw “comprare calzini”? Ovviamente il prodotto con il tuo marchio, perché potrai guadagnarci di più.

Ma c’è un’altra ragione, più importante, per evitare la keyword cannibalization delle parole chiave.

Potrebbe trascinare in basso entrambe le pagine nella SERP

Come ben sappiamo il numero di backlink che puntano verso un sito è un fattore di ranking molto importante.  Ma se hai due pagine simili, qualsiasi link in entrata è effettivamente diviso tra queste due pagine.

Quindi, qual è il problema? Beh, immagina se il numero combinato di domini di riferimento puntassero tutti a una singola pagina; quella pagina occuperebbe quasi certamente un posto più alto nella SERP. Potrebbe anche entrare nella top 3 tra risultati di ricerca.

Anche la diluizione del contenuto può essere un problema. Come quando abbiamo più post o pagine uguali contenenti delle informazioni preziose, ma nessuna di loro offre una risorsa leader nel settore. In sostanza, un post potenzialmente molto lungo e ben fatto è stato diluito in tre articoli mediocri e, a causa di questo motivo, nessuno di questi post attrae molti backlink.

Se consolidassimo tutti e tre i post in un unico post di maggiore valore, sarebbe probabilmente più di una “risorsa linkabile” di qualsiasi dei tre post iniziali. Se più persone lo linkassero, probabilmente riuscirebbe a posizionarsi più in alto, forse addirittura al primo posto nella SERP.

Quando la keyword cannibalization non è un problema?

Se i tuoi post riescono a posizionarsi in cima alla SERP per la stessa keyword, e mantengono queste posizioni a lungo termine, allora non dovresti preoccuparvi della keyword cannibalization.

Non solo si stanno posizionando nelle due posizioni con il CTR più alto, ma così facendo, stanno anche effettivamente abbassando il numero di clic verso i siti concorrenti.

Si dovrebbe rimediare a questo problema solo nel caso in cui la pagina che si trova nella prima posizione stesse in qualche modo danneggiando la pagina nella seconda posizione. Per esempio, se il tasso di conversione sulla pagina in cima alla classifica fosse inferiore a quello dell’altra pagina, o se il tasso di rimbalzo fosse insolitamente alto, per qualsiasi motivo, sulla pagina in cima alla classifica.

Ma poiché Google prende in considerazione i segnali di coinvolgimento degli utenti (come ad esempio, la frequenza di rimbalzo, il tempo di permanenza, ecc.) quando classifica le pagine, è probabile che questo non sia comunque il caso.

keyword cannibalization content writing

Come identificare e risolvere i problemi di keyword cannibalization

Custom tool in python

Ho semplificato e automatizzato il processo di identificazione dei problemi di cannibalizzazione keyword delle parole chiave con uno strumento in python. A breve sul mio canale YouTube uscirà un video dedicato proprio a questo argomento in cui ti mostrerò come poter utilizzare questo tool per identificare i problemi di cannibalizzazione.

Se in ogni caso non volessi utilizzare la mia risorsa può comunque procedere in altre maniere. Qui sotto dimostrerò come poter risolvere i problemi di keyword cannibalization.

De-ottimizza la pagina o il post

Questa è l’opzione migliore quando hai una pagina che si classifica per un sacco di keyword e quindi riceve molto traffico organico ma preferiresti che non si posizionasse per una specifica keyword perché sta “cannibalizzando” un’altra pagina.

Non vuoi eliminare la pagina perché porta ancora molto traffico di ricerca organica per altre keyword e non vuoi reindirizzarla perché la pagina è ancora importante.

Quindi, ancora una volta, l’opzione migliore è quella di provare a de-ottimizzare la pagina per quella specifica keyword.

Ecco come poter eseguire la de-ottimizzazione di una pagina o di un post.

  • De-ottimizzare il contenuto stesso: controlla il contenuto e rimuovi qualsiasi riferimento a quella keyword indesiderata. Questo di solito non farà una grande differenza (perché Google non si basa solo sulle keyword esatte), ma è comunque un’operazione consigliata.
  • Cambia i link interni (specialmente quelli con anchor text ricche di keyword): Se hai dei link interni che puntano alla pagina indesiderata, potrebbe valere la pena scambiare la destinazione dei link con quella della pagina desiderata, inserendo il tag “nofollow”, o rimuovendoli completamente. I link con anchor text ricchi di keyword rappresentano la massima priorità in questo caso, poiché qualsiasi link che contiene la keyword indesiderata nel testo di ancoraggio può aiutare la pagina indesiderata a classificarsi per quella keyword, quindi cambia gli anchor text con qualcos’altro.
  • Chiedi di cambiare tutti i link in entrata ancorati (da siti esterni): Insieme ai link interni, vale la pena di controllare se qualche link in entrata esterno punta a quella particolare pagina usando keyword indesiderate. Questo può essere abbastanza difficile da fare in alcuni casi, in quanto è necessario contattare i gestori dei siti chiedendo loro di cambiare il link.

Unisci le pagine

Questa è l’opzione migliore quando hai due pagine molto simili che sono già in classifica per la stessa keyword. Se hai due pagine o post che contengono entrambi dei buoni contenuti e non desideri cancellare nessuno dei due, l’opzione migliore sarebbe quella di unire le due risorse in una risorsa, poi ovviamente bisognerà impostare un redirect verso il nuovo URL.

In questo modo si conserva il “link juice”, e poiché tutti i link ora puntano effettivamente ad una sola pagina (piuttosto che due), è possibile posizionarti più in alto per una determinata keyword.

Cancella la pagina

Questo è il modo migliore di procedere soltanto nel caso in cui hai una pagina di bassa qualità che potenzialmente “cannibalizza” un’altra, cioè ruba il traffico da una pagina simile ma migliore. Prima di eliminare un post, assicurati sempre di controllare se la pagina ha dei link in entrata.

Ricorda sempre aggiungere un redirect 301 da quella pagina a una simile. Se non ci sono link in entrata, puoi cancellarla senza problemi.

Inserisci il tag Noindex

Questo metodo è consigliato per le pagine che sono utili per i tuoi visitatori (quindi vuoi tenerle), ma vuoi assicurarti che non si classifichino nei risultati di ricerca perché potenzialmente potrebbero cannibalizzare un’altra pagina.

Puoi utilizzare questo metodo per due diversi motivi:

  • Per evitare (potenziali) problemi di keyword cannibalization
  • Per evitare che la gente atterri su questa pagina

Inserisci i tag canonical

Un tag HTML canonical (rel="canonical") è un frammento di codice che definisce la versione principale per le pagine duplicate, quasi duplicate o simili. In altre parole, se hai lo stesso contenuto o contenuti simili disponibili sotto diversi URL, è possibile utilizzare il tag canonical per specificare quale versione è quella principale e quindi, quella che dovrebbe essere indicizzata.

Questa è l’opzione migliore da usare quando hai due pagine simili che desideri mantenere (magari perché sono entrambe utili per i tuoi visitatori), ma vuoi che i motori di ricerca classifichino soltanto una di queste pagine rispetto all’altra.

Ecco come appare un tag canonico che va posizionato nella sezione head di un contenuto:

<link rel="canonical" href="https://paginadaindicizzare.it/blog/articolo">

Per molti plugin SEO è possibile inserire il link al contenuto canonical direttamente nell’editor.

keyword cannibalization canonical rank math
Ecco come appare la sezione in cui inserire il tag canonical in Rank Math

Come evitare problemi di keyword cannibalization in futuro

Può essere una grossa seccatura risolvere i problemi di keyword cannibalization che si sono accumulati nel tempo, ecco perché l’opzione migliore è cercare di evitarli in primo luogo.

Fortunatamente, prevenire queste situazioni è abbastanza semplice. Hai solo bisogno di seguire questo processo ogni volta che hai intenzione di pubblicare una nuova pagina o un post sul tuo sito WordPress.

  1. Vai su Google e fai una ricerca utilizzando la query “site: search + la keyword”. Per esempio, se hai intenzione di pubblicare un post di blog su “link building”, la tua ricerca dovrebbe apparire più o meno così:
keyword cannibalization search in google
L’articolo nel sito che si posiziona per link building compare all’inizio della SERP che presenta solo risultati dal sito indicato.
  1. Controlla i risultati. Se vedi una pagina o un post che sembra mirare già a questa keyword, potresti cambiare la tua keyword per la nuova pagina/post. Altrimenti, ottimizza la pagina classificata per quella keyword.

Conclusioni

La keyword cannibalization è un argomento caldo nel mondo SEO. Alcuni esperti SEO pensano che sia un grosso problema, mentre altri non credono affatto che sia un problema. Io penso che possa essere un problema. E credo che dovresti tenere d’occhio e risolvere questi problemi quando si presentano.

Guardando il mio video dedicato a questo argomento dovrebbe essere più facile e veloce che mai trovare e diagnosticare i problemi di keyword cannibalization. Iscriviti alla newsletter per ricevere le news, anche quella dell’uscita dei video, oltre agli sconti per i miei corsi online!

Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti
ottieni sconti e promozioni