WordPress Web Stories – plugin per le Storie Web

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
WordPress Web Stories è un nuovo plugin che permette di creare delle storie web in modo semplice.
Tempo di lettura: 9 min.

Cosa hanno in comune Instagram Stories, Facebook Stories, Snapchat Stories e Twitter Fleets? Sono tutte le cosiddette implementazioni dei social media della stessa idea di storie. Una storia è una serie di immagini o altri tipi di contenuti che stando insieme raccontano una storia. La narrazione visiva è importante e ora anche il web in generale ha un formato per le storie. Lanciate nel 2018 come AMP Stories, le Web Stories di Google sono ora disponibili anche su WordPress.

Cosa sono le Web Stories?

Le Web Stories sono un formato di narrazione visiva ricca e scorrevole per l’utilizzo su dispositivi mobili introdotto da Google. Le Web Stories offrono un’esperienza a schermo intero che può incorporare ogni tipo di contenuto. A differenza dei formati chiusi come Instagram Stories, le Web Stories sono aperte e liberamente distribuibili. È possibile crearle e pubblicarle sul proprio sito.

Inoltre, le Web Stories hanno un loro posto nei risultati di ricerca di Google: proprio in cima. E non è tutto, perché queste storie possono apparire anche su Google Images, Discover e l’applicazione Google. Il tutto in modo molto prominente.

Le Web Stories ti danno più controllo su ciò che pubblichi e su come lo fai. Sei libero di determinare il formato, dove lo pubblichi e per quanto tempo vuoi che una storia live. Le storie sono veloci, offrendo ai visitatori un tipo di contenuto facile e veloce da digerire.

Tieni presente che, mentre le Web Stories sono destinate all’uso su dispositivi mobili, ogni storia ottiene automaticamente anche un semplice visualizzatore desktop. Questo significa che i vostri contenuti mobile sono veramente disponibili per tutti.

Oggi vedremo come implementarle su un sito WordPress grazie all’apposito plugin Web Stories.

Il debutto di WordPress Web Stories

All’inizio del 2018, Google ha introdotto AMP Stories come modo per costruire rapidamente storie visive sul web utilizzando tecnologie open. Nel maggio 2020, AMP Stories è diventato Web Stories ed entro ottobre 2020, il formato è stato lanciato sulla piattaforma numero uno al mondo: WordPress.

Il plugin per WordPress rende molto più facile costruire storie sulla piattaforma che si possiede e più di tutte dovrebbe rappresentarti: il tuo sito web.

Google continua a migliorare le Web Stories, spingendo anche l’adozione. All’inizio di quest’anno, ha annunciato che alcuni dei suoi altri strumenti come il Rich Results Testing Tools e la Search Console possono ora riconoscere le Web Stories come tali.

Nelle impostazioni del plugin WordPress, è possibile impostare il tracking ID per Analytics. Questo aiuta a farsi un’idea di come stanno andando le Web Stories.

Un esempio

Si possono usare le Web Stories per un sacco di cose e abbiamo visto molti grandi marchi dei media farlo. Anche se sembra che siano i più adatti per contenuti a misura di morso, si può andare piuttosto in profondità con le vostre storie. Se si riesce a costruire una storia coinvolgente, la gente potrebbe affollarsi. Questa è proprio la cosa che potrebbe far diventare virale il vostro contenuto.

Un esempio di Web Story:

https://samuelschmitt.com/kira-the-cat.html

Come usare WordPress Web Stories

Iniziare con Web Stories è facile con un sito WordPress. Basta installare il plugin ufficiale di Google Web Stories. Il plugin è stato sviluppato da un team di sviluppatori Google ed è fatto piuttosto bene, molto semplice e intuitivo.

Dopo aver installato il plugin, vai nelle impostazioni dell’editor e compila i dettagli richiesti. Poi sei libero di cominciare.

Se ti manca l’ispirazione o se vuoi avere un’idea di cosa può essere una Web Story, esplora la sezione template. Se ne vedi uno che ti piace, basta cliccare su Usa modello e l’editor si apre con il modello già caricato. Ora è possibile utilizzare i vari strumenti per adattare la storia a proprio piacimento.

Naturalmente, sei libero di costruire anche Web Story da zero. Vediamo come!

1. Apri il plugin

Dopo aver installato il plugin, iniziare una nuova storia cliccando su Create New Story dal pannello Web Stories Dashboard. È anche possibile iniziare una nuova storia passando il mouse sul menu WordPress > Storie > Aggiungi nuovo.

WordPress Web Stories - Slide 1
Il pannello iniziale del plugin. In particolare questa è la visualizzazione die template.

2. Editor delle storie

Se hai creato una nuova storia, l’interfaccia si apre con un modello vuoto. Sul lato sinistro è possibile vedere il gestore dei media con le immagini che hai caricato e il materiale che puoi utilizzare dal tuo sito. L’icona T apre la scheda di testo e il triangolo le forme. È inoltre possibile accedere a materiale gratuito offerto da unsplash.com

Web Stories - Slide 2
Editor delle slide.

3. Aggiungi un’immagine

Cliccando sul pulsante blu Upload puoi scegliere un’immagine da caricare. Con un doppio clic sull’immagine la aggiungerai al frame. Noterai che le impostazioni sul lato destro cambiano. Qui potete trovare le proprietà e le opzioni di design per ogni oggetto, immagine, testo o forma. Sostanzialmente è un menù contestuale. Le impostazioni differiscono da un tipo all’altro, quindi il testo ha opzioni diverse dalle immagini, ovviamente.

4. Prendi confidenza con il tool

Se hai mai usato un qualsiasi tipo di strumento di design, ti sentirai a vostro agio nell’interfaccia del plugin WordPress di Web Stories. È possibile allineare gli oggetti, ruotare, stratificare, cambiare i tipi di testo, i colori, quasi tutto ciò di cui si ha bisogno è qui. Puoi lavorare con immagini, illustrazioni, testi, video, ecc.

5. Aggiungi testo alle WordPress Web Stories

Facendo clic sulla T nell’angolo sinistro per passare alla scheda del testo. Qui vedrai i diversi tipi di testo che puoi aggiungere. Il titolo più grande è h1 e un paragrafo è p.

Utilizza correttamente il testo nella storia web! Metti un titolo h1 e delle sottovoci h2 o h3. Utilizzate lo strumento paragrafo per i paragrafi. In questo modo, il tuo contenuto web seguirà tutte le linee guida regolari.

Le Google Web Stories sono esattamente come delle pagine, quindi è bene rispettare le regole SEO anche in questo caso!

WordPress Web Stories - Aggiungi Testo
Il menù del testo nella web story

Se la tua immagine ha uno sfondo colorato molto scuro, potresti aver bisogno di dare al testo un colore chiaro per distinguersi o forse anche un colore di riempimento per lo sfondo dell’area di testo.

Trovi tutte queste modifiche nella zona destra, quella contestuale, selezionando l’oggetto testo nel design.

Per aggiungere una nuova pagina alla tua storia, clicca il pulsante grande + sotto alla pagina. Se vuoi duplicare la pagina corrente per usarla come modello per la successiva, hai un tasto apposito. Riempi la storia con tutte le pagine che ti servono.

WordPress Web Stories - Aggiungi pagina

Una delle belle di WordPress Web Stories è che è possibile collegare liberamente i propri contenuti. Basta cliccare su un elemento e aggiungere un link dal menù contestuale. Non esagerare, tieni limitato il numero di link. Ricorda delle regole SEO!

Aggiungi link

7. Aggiunti i metadati e pubblica

Una volta che hai finito la WordPress Web Stories, testala cliccando su Preview in alto a destra nella zona centrale.

Prima di pubblicarla cliccando su Publish, è necessario compilare i metadati per migliorare la storia.

Questo è indispensabile per avere una Web Stories valida secondo Google. Clicca su Documento e aggiungi il logo, l’immagine di copertina, il riassunto e scegli un buon permalink.

Adesso sei pronto per pubblicare la tua storia!

Il plugin Web Stories per WordPress ti chiederà se vuoi pubblicare un nuovo post per questa storia. Se lo fai, clicca sul pulsante e si aprirà un nuovo post con la tua storia incorporata.

Un esempio concreto

Ed ecco qui sotto un breve esempio di come appare.

Da tenere a mente

Le storie sul web sono una bella novità per i tuoi contenuti. È uno strumento completamente diverso per un obiettivo completamente diverso.

Naturalmente, non tutti troveranno un uso adeguato per queste web stories, ma se tu sei tra quelli che vuole provare a farne buon uso con WordPress, ora puoi. È facile iniziare e le potenzialità sono molto interessanti.

Però, pur sempre di contenuti si tratta, anche questi vengono indicizzati e letti da Google. Quindi, ecco un paio di cose da tenere a mente:

  • Assicurati che gli URL delle Google Web Stories siano disponibili nella mappa del sito (Se utilizzi Yoast SEO, fa tutto lui)
  • Aggiungi dati strutturati per facilitare la comprensione delle storie da parte di Google (Anche questo è compito per Yoast SEO, se lo utilizzi)
  • Metti i link alle storie in parti rilevanti del tuo sito
  • Assicurati che le storie siano interessanti e di alta qualità
  • Non aggiungere troppi link a fonti esterne, distraggono i lettori
  • Fai storie brevi (Google dice tra le 5 e le 30 pagine)
  • Aggiungi un testo alternativo (alt text) per descrivere le immagini. Ricorda di farle accessibility friendly!
  • Le storie sono l’ideale per pubblicare brevi video

Inoltre, Google ha detto, nel suo post SEO per Web Stories:

Fai tutte le cose SEO che faresti per qualsiasi altra pagina del tuo sito web. Se aiuta a classificare le vostre pagine non-Story, probabilmente aiuterà anche le Stories.

Una buona storia è breve, ma allo stesso tempo preziosa. Sperimenta! Trova quello che piace al pubblico.

Questo formato è ancora nuovo, quindi non ci sono regole, per così dire. Per fortuna, il plugin Web Stories di Google per WordPress rende molto facile costruire queste storie!

Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!

Tabella dei Contenuti

Iscriviti alla newsletter

Tabella dei Contenuti
Giacomo Lanzi

Giacomo Lanzi

Dopo studi in psicologia e letteratura, dal 2010 mi sono dedicato alla grafica web e all'editing per testi universitari. Sono un content creator per il web dal 2012. Dopo un'esperienza di due anni come manager di un team italiano per una compagnia internazionale a Berlino, ho deciso di tornare alla libera professione e di dedicarmi del tutto al web. Oggi offro servizi come autore, content creator, grafico web e SEO expert. Mi caratterizzano un attitudine al pensiero critico, abilità nella guida di un team, la cura dei dettagli e l'impegno che metto in ogni progetto, siano essi personali o professionali.

Iscriviti alla newsletter