fbpx

Meta tag e posizionamento SEO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
I #metatag sono fondamentali per il posizionamento nella #SERP. Bisogna però fare attenzione a non esagerare con le meta-informazioni.
Tempo di lettura: 6 min.

Nella sezione head di un qualsiasi documento html, si trovano i meta tag. Questi elementi contengono attributi e dati che servono a fornire importanti informazioni sulla pagina stessa. Se una pagina è sprovvista di queste informazioni, succede che i motori di ricerca fanno fatica a capire come catalogare la pagina. Con il tag html meta, è il momento di dare tutte le informazioni essenziali in pasto ai motori di ricerca e migliorare il posizionamento.

Cosa sono i Meta Tag

I meta tag sono alcuni dei migliori strumenti per un marketer che voglia puntare sulla SEO. Si presentano in questo modo:

<meta name="author" content="Giacomo Lanzi">
<meta name="description" content="Scrivere correttamente i Meta Tag">
<meta name="keywords" content="meta tag, html meta">

I meta tag definiscono, generalmente, delle coppie chiave/valore. La chiave è definita con name (o http-equiv) e il valore con content. Il tag potrebbe però contenere altre informazioni sul documento, in base all’attributo che viene usato. La lista degli attributi è la seguente:

  • charset: dichiara il tipo di codifica del documento. Standard è utf-8
  • http-equiv: Contiene informazioni utilizzate nella comunicazione tra server e browser. I valori di questo attributo sono precisi, ma non li elencherò in questo articolo. Basti sapere, per ora, che si tratta di informazioni come la mail del webmaster, la data di scadenza del documento e simili
  • name: dichiara una chiave, cioè il tipo di meta dato (per esempio: autore o descrizione) che poi verrà definita con content
  • content: assegna un valore alla chiave definita con name

Con i valori keywords e description dell’attributo name, si dichiarano dati importanti per il posizionamento, ma con il meta tag è possibile fare molto di più.

È importante notare che nel 2020 i meta tag contano, ma non tutti ti possono aiutare direttamente per la tua SEO. Ricorda che se vuoi posizionarti in alto nella ricerca, i tuoi meta tag devono accompagnare contenuti di alta qualità che si concentrano sulla soddisfazione degli utenti.

Il mio consiglio principale: attenersi al minimo indispensabile. Non aggiungere meta tag che non ti servono: occupano solo spazio nel codice.

Meta Tag essenziali

In questa breve lista ci sono i meta tag che devono assolutamente esserci e che forniscono importanti informazioni sul documento html. Non dovrebbero mancare in nessuna pagina.

Content Type

questo tag è necessario per dichiarare il set di caratteri per la pagina e dovrebbe essere presente in ogni pagina. Non metterlo potrebbe influire sul modo in cui la tua pagina viene visualizzata nel browser. Nell’esempio è dichiarato il charset standard utf-8 in due notazioni differenti.

<meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8" /> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=ISO-8859-1">
Meta Title
sebbene il tag del titolo non sia incluso in un tag meta, si trova nell’intestazione e contiene informazioni molto importanti per la SEO. Dovresti sempre avere un tag tag univoco in ogni pagina e dovrebbe essere descrittivo per l’argomento trattato. Non confondere questo con l’intestazione H1, sono due cose diverse, anche se spesso contengono lo stesso titolo.
Meta description
Il famigerato tag meta description è usato per uno scopo principale: descrivere la pagina agli utenti mentre leggono le SERP. Questo tag non influenza direttamente il posizionamento, ma è molto importante. Il contenuto della meta description è quel testo che fa la differenza tra chi clicca e chi passa oltre nei risultati. Tienilo entro i 160 caratteri e scrivilo in modo che catturi l’attenzione dell’utente.
Viewport
nel mondo mobile, dovresti specificare il viewport. Se non lo fai, corri il rischio di offrire un’esperienza scadente: lo strumento. Il tag standard è:

<meta name=viewport content="width=device-width, initial-scale=1">

Altri meta tag

Ci sono altre informazioni che è possibile dichiarare nella sezione head con il tag meta, ma non sempre queste sono utili. In alcuni casi possono addirittura diventare controproducenti. Vediamo una lista di questi tag e il loro, eventuale, uso.

  • Social tag – sono utili ma non necessari di per sé. Indicano titolo e descrizione specifici per i social network, in modo da mostrare testi diversi a seconda della piattaforma di condivisione.
  • Robots – il tag robots con valore index o nofollow sono inutili, in quanto quelli sono i valori standard.
  • Language – utile solo se il tuo sito è internazionale e multilingua. Non usarlo in altre situazioni.
  • Keywords – questo tag è superfluo. L’impatto sull’indicizzazione è quasi nullo, in quanto i bot analizzano il testo per verificare le parole chiave, e non l’head del documento. Non perderci tempo, a meno che non sia automatico, non metterlo.
  • Author – Per quanto possa sembrare un tag utile, non serve per il posizionamento e pertanto puoi evitare di metterlo.
  • Revisit after – Questo tag servirebbe per chiedere ai bot di ritornare sulla pagina dopo un certo tempo. Viene semplicemente ignorato, quindi non metterlo.
  • Expiration / date – questi due meta tag servirebbero per dichiarare la data di pubblicazione e scadenza della pagina. La cosa migliore, tuttavia, è togliere la pagina dopo la sua scadenza, evitando di occupare spazio con un tag inutile.
  • Abstract – Fornisce un abstract, un riassunto, dell’articolo nella pagina. Usalo solo in ambito di formazione, altrimenti puoi ignorarlo.

Questi erano alcuni dei meta tag meno usati e che se possibile, andrebbero evitati.

Meta tag e posizionamento

Conclusioni

Evitare di riempire la sezione head del documento con dei meta tag inutili è buona pratica per avere pagine con codice ottimizzato. Ecco come mai alcuni tag, seppur potrebbero fornire utili informazioni, si possono ignorare in quanto ininfluenti per il posizionamento.

Nell’economia delle pratiche SEO, le informazioni da fornire devono essere complete ma non ridondanti. Riempire il documento con informazioni che vengono ignorate, rischia di appesantire la pagina senza offrire alcun risultato.

Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!

Tabella dei Contenuti
Tabella dei Contenuti
Giacomo Lanzi

Giacomo Lanzi

Dopo studi in psicologia e letteratura, dal 2010 mi sono dedicato alla grafica web e all'editing per testi universitari. Sono un content creator per il web dal 2012. Dopo un'esperienza di due anni come manager di un team italiano per una compagnia internazionale a Berlino, ho deciso di tornare alla libera professione e di dedicarmi del tutto al web. Oggi offro servizi come autore, content creator, grafico web e SEO expert. Mi caratterizzano un attitudine al pensiero critico, abilità nella guida di un team, la cura dei dettagli e l'impegno che metto in ogni progetto, siano essi personali o professionali.